• NAMIBIA EXPERIENCE CON FRANCKREPORTER E NUOVA DEFENDER

      Proprio prima che il mondo dovesse fermarsi per un po’, il nostro DEFENDER Ambassador Franckreporter ha trascorso 3 giorni tra i fantastici paesaggi della Namibia a bordo di Nuova DEFENDER. Qui, in compagnia di Carlo Bellati, giornalista di Quattroruote, e di alcuni esperti di off-road Land Rover, ha vissuto un’esperienza unica in cui ha messo alla prova Nuova DEFENDER nei terreni e nelle situazioni più difficili, dimostrando che quest’auto è davvero capace di fare grandi cose.

      NAMIBIA EXPERIENCE CON FRANCKREPORTER E NUOVA DEFENDER
      SEGUILO SU INSTAGRAM Franckreporter

      In un momento come questo, in cui il modo migliore di mostrare la nostra forza è proprio stando a casa, abbiamo pensato di farvi vivere le emozioni di questo viaggio attraverso il suo diario e le sue immagini, in attesa della prossima avventura. Siete pronti?

NAMIBIA EXPERIENCE CON FRANCKREPORTER
DIARIO DI VIAGGIO

4 MARZO

4 MARZO

ARRIVO ALL’AIRSTRIP DI OPUWO

Dopo un fantastico volo di un’ora e mezza da Windhoek, capitale della Namibia, atterriamo sull’Airstrip di Opuwo, la capitale della regione del Kunene, l’unico vero e proprio centro abitato presente nel nord della Namibia. Le DEFENDER che ci accompagneranno in questa avventura sono ad aspettarci sulla pista sterrata di Opuwo.

4 MARZO

4 MARZO

BRIEFING, BRUNCH E SI PARTE

Dopo un briefing ed un veloce brunch con i tecnici Land Rover, io e il mio compagno di guida Carlo Bellati, giornalista di Quattroruote, partiamo per la nostra avventura off road. Sin da subito la macchina si rivela estremamente semplice da guidare, agile e confortevole anche su terreni estremamente sconnessi.

4 MARZO

4 MARZO

CONSEGNA DI ZUCCHERO E FRUTTA

Dopo un’oretta di tragitto, ci imbattiamo in un piccolo villaggio isolato, dove approfittiamo per lasciare alle donne e ai bambini sacchi di zucchero e mele. Una sensazione davvero unica poter aiutare persone che vivono in mezzo al nulla.

/

5 MARZO

5 MARZO

VAN ZYL’S PASS

Passata la notte nel Van Zyl’s campground, a pieno contatto con la natura, la mattina seguente ci mettiamo in marcia verso Purros. Prima di partire i ragazzi di Land Rover ci dicono che ci attende uno dei percorsi più impervi dell’Africa del sud.

5 MARZO

5 MARZO

PERCORSI IMPERVI NO PROBLEM

Ci viene chiesto per radio di attivare il rialzamento delle sospensioni in modo da avere una maggiore altezza da terra per evitare le grosse pietre ed affrontare nel modo migliore i gradini di rocce nel percorso.

5 MARZO

5 MARZO

CAPACITÀ AL TOP

La DEFENDER si rivela da subito comodissima e sicurissima: grazie al controllo assistito della velocità in discesa e la possibilità di avere una visuale a 360° dell’esterno del veicolo, la vettura non ha problemi di nessun tipo nello scendere quel percorso e ci permette di vedere anche tutti quei grandi dislivelli nel terreno che da dentro non sarebbero stati visibili. Dove non arriva l’esperienza del guidatore, arriva l’elettronica della macchina.

/

6 MARZO

6 MARZO

IN MARCIA VERSO IL GUADO DEL FIUME

Ci mettiamo in marcia verso l’ingresso del Parco Nazionale. Inizialmente il percorso è fatto di ghiaia e sabbia, ma man mano che ci addentriamo nel parco diventa completamente sabbioso. Impostiamo diverse volte la modalità “sand” per avere una maggiore trazione e non avere limitazioni ai giri del motore, ma non cambiamo mai la pressione delle ruote, tenendola medio bassa per tutta la spedizione, proprio a conferma di quanto Nuova DEFENDER sia versatile su terreni così diversi.

6 MARZO

6 MARZO

IL GUADO DEL FIUME

Arriviamo cosi all’inizio del fiume Uniab, dove facciamo una sosta mentre i tecnici Land Rover si accertano che il fiume sia guadabile. Selezioniamo il Terrain Response in modalità Wade, portando le sospensioni alla loro massima estensione ed entriamo nel letto del fiume.

6 MARZO

6 MARZO

IL GUADO DEL FIUME

Entriamo in pozze d’acqua enormi come se fossero delle piccole pozzanghere in modo totalmente sicuro e agile, i tergicristalli non fanno in tempo a pulire che arrivano secchiate d’acqua sul vetro di nuovo. Insomma, facciamo i 50 km più belli del tour in una comodità estrema, davvero come se avessimo viaggiato in autostrada. Non avrei mai pensato di risalire il quel modo il letto di un fiume di fango.

/

NAMIBIA EXPERIENCE CON FRANCKREPORTER

.

Poter guidare DEFENDER
in un ambiente tanto ostico
quanto maestoso, come il
nord della Namibia,
rimarrà per sempre
un sogno diventato realtà,
una delle esperienze di guida
più belle mai fatte.

Francesco Salvaggio